DAVOLI turismo

Un paese, è per me, un viso, un sorriso, un' accoglienza, un nome, molto più che delle città, delle montagne, delle foreste o dei fiumi. (Pierre Fillit)

COMUNE DI DAVOLI

 

Incursioni saracene e nascita del borgo

Il nucleo abitativo originario  di Davoli sorse sulle alture, per poi svilupparsi lungo la linea costiera.

 

Ciò per il  pericolo delle incursioni dal mare di saraceni e turchi, con razzie e rapimenti, che  fu l’assillo delle popolazioni costiere della fascia jonica calabrese, tanto da costringerle a cercare rifugio all’interno, in luoghi più sicuri.

"Allarmi, allarmi la campana sona,

li turchi su sbarcati alla marina".

Tra storia e leggenda

La natura dei luoghi ha sempre avuto un ruolo determinante nella storia di Davoli: iI mare dalle acque limpide e cristalline e dalle innumerevoli tonalità, gli ampi litorali di sabbia dorata, la marina ubertosa, rinfrescata dalla brezza marina e dal ponentino, le austere montagne, ombrose e profumate, che si affacciano sul mare.

 

Nel VII secolo A.C i primi colonizzatori della Grecia trovarono in questo territorio facile approdo, insediandosi alle foci dei fiumi Alaca e Ancinale, il Cecino navigabile, nominato da Tito Livio.

Infatti, il nome di Davoli, in origine Daulis, proviene da Daulia (l’attuale Davlia o Davleia), città della Focide, nella Grecia Centrale, da dove sarebbero partiti i fondatori.

 

(panorama dell'attuale Davleia)

 

 

LEGGI >>

“Smarrire il proprio passato significa perdere il proprio futuro”

Il Borgo Antico

Nel borgo antico (401m s.l.m), dove il tempo sembra essersi fermato, è possibile ammirare antichi palazzi, portali in pietra opera di abili scalpellini, godere di quiete e gustare ancora antichi sapori di una cucina tramandata per generazioni.

La Marina

La Marina, con le sue lunghe spiagge dorate di sabbia fine e il suo mare limpido, è un’importante area turistica e commerciale.

Per le vie del Borgo...

una passeggiata con la GoPro